Progetto Aiutiamoli a Sorridere ...


Perché in Bielorussia?

Era l’anno 2003, un pomeriggio di fine estate. Fummo invitati - io (Kamomillo), Guancerosse e Chupa, ad animare una festa nella campagne di Ruda per i bambini bielorussi ospiti di quella comunità. All’epoca noi non facevamo volontariato in regione. Prestavamo servizio come volontari clown di corsia presso l’ospedale pediatrico di Padova dove ci recavamo ogni quindici giorni. Da qualche tempo però, avevamo deciso di provare a costruire qualcosa anche qui, in Friuli. Ed avevamo organizzato il primo corso regionale per volontari clown che si sarebbe tenuto da lì ad un paio di mesi. Così siamo arrivati in questa radura ed abbiamo iniziato la festa tra gli occhi stupiti e meravigliati dei bambini. Abbiamo cominciatò così, con i sorrisi e le carezze di questi meravigliosi bimbi che non scorderemo mai. Oggi siamo un’associazione con 60 volontari e prestiamo servizio negli ospedali di Udine, Pordenone, Gorizia e in diverse Case di Riposo, sviluppiamo progetti di aggregazione, sosteniamo missioni all’estero, diffondiamo e sensibilizziamo al pensiero positivo ed alla gioia. I bimbi bielorussi ci hanno portato tanta fortuna; è ora di provare a ricambiare!


L'idea progetto

L’idea è di organizzare una trasferta di alcuni volontari clown di corsia (8 o10) per effettuare servizio presso gli ospedali pediatrici ed, eventualmente, orfanotrofi nei paesi della Bielorussia colpiti dalle conseguenze dell’incidente di Chernobyl. I volontari non faranno altro. Non è intenzione dei clown essere presenti a conferenze, presentazioni o convegni o organizzarsi all’invio di materiale, denaro, farmaci ecc. I volontari clown saranno presenti, esclusivamente, per portare un po’ di gioia negli ospedali pediatrici con le stesse tecniche e modalità attreaverso le quali svolgono i loro servizi nelle sedi locali. Se ce ne sarà il tempo i volontari sono disponibili anche per una visita a centri di accoglienza per minori dove possono improvvisare un piccolo spettacolo.


Durata del progetto

La prima esperienza sarà, inevitabilmente, un banco di prova per le, asupicabili, esperienze future. In tal senso abbiamo pensato ad una prima esperienza piutosto breve, della durata massima di 4 giorni: (indicativamente) partenza giovedi mattina rientro domenica sera. Rimane da valutare la frequenza dei voli da/per l’Italia per definire meglio le giornate di permanenza. I volontari effettueranno la visita di un solo ospedale al giorno a meno che gli ospedali non siano di piccole dimensioni. Ciò perché il volontario VIP clown presta servizio visitando OGNI singolo paziente dedicandogli un momento di attenzione solo per lui (in un tempo che può variare dai 10 ai 30 minuti ma non esistono tempi stabiliti). Oltre che fisicamente i servizi sono molto impegnativi emotivamente ecco perché una volta usciti dall’ospedale è bene provvedere ai rilassamenti e condivisioni e non dover entrare subito nuovamente in servizio. In caso di visita a strutture di accoglienza (ad es.orfanotrofi) i volontari cercheranno con le risorse disponibili di allestire un piccolo spettacolo per gli ospiti..


Periodo di svolgimento

Considerando tutta la fase organizzativa si prevede che la partenza non possa essere effttuata prima della primavera 2007. Si ritiene, inoltre, opportuno tale periodo per motivi climatici e quindi per semplificare gli spostamenti. E’ stato individuato come periodo ottimale quello dal 27 aprile al 1 maggio compresi, previa verifica coincidenze voli.


Spese

Tutte le spese di viaggio, vitto e alloggio e quelle relative alle varie tasse sono a carico dei partecipanti e di VIP FRIULCLAUN che cercherà di autofinanziarsi attraverso momenti di sensibilizzazione prima della partenza e di ricerca di sponsorizzazioni. La spesa prevista, ma ancora da dettagliare è di circa 5.000,00 euro di cui:
- 3.500 euro per spese di viaggio (volo da Venezia A/R circa 350 euro x 10 pers)
- 1.000 euro per spese di vitto e alloggio
- 500 euro per interprete e spese noleggio pulmino


Organizzazione

L’Associazione VIP FRIULCLAUN non ha esperienza in tal senso, non solo in Bielorussia ma anche in tutto il mondo. I volontari VIP che viaggiano nelle missioni estere vengono organzizzati dalla Federazione Nazionale VIP Italia che è preparata e strutturata per questo. Essendo, il presente, un’iniziativa autonoma di VIP Friulclaun, la stessa deve provvedere alla sua organizzazione. A tal fine chiediamo la collaborazione dell’Associazione “Aiutiamoli a Vivere” di Trento, attraverso i comitati locali di Ruda e Villesse, affinchè possa aiutarci nelle seguenti operazioni che sicuramente avranno già affrontato:
- visti e permessi di soggiorno (indicazioni sul come e sul dove farli);
- indicazioni delle località e degli ospedali da visitare;
- suggerimenti logistici per la sistemazione dei volontari (alberghi o altro);
- interprete locale che funga anche da guida (non turistica) con auto o pulmino da noleggiare in loco se possibile.
- permessi per effettuare servizio in ospedale.


Formazione

Da sempre la formazione dei volontari è uno dei punti fermi delle associazioni confederate VIP. Anche in questo caso viene prestata particolare attenzione all’evento. Oltre alla normale formazione quindicinale prevista per tutti i volontari dell’Associazione, i clown che partiranno per la Bielorussia seguiranno uno specifico percorso formativo allo scopo di di dare indicazioni utili al servizio in ospedale. In particolare, considerata la diversità di ambienti, culture nonchè di risorse, verranno trattate materie quali l’igiene e psicologia infantile. Inoltre verranno curati aspetti particolarmente tecnici come la presenza scenica non verbale, la mimica e la preparazione delle gags per un eventuale spettacolo.


5x1000
Kalankoe
Detrazioni